di Giuseppe Longo

No, a Udine non c’è stato un altro Fedriga.
Pietro Fontanini ha battuto Vincenzo Martines per una manciata di voti – appena 280, come gli abitanti di una via poco popolosa -, ma è ugualmente riuscito a portare la Lega alla guida della città capoluogo.
Mentre la corsa del Carroccio si è fermata sul Livenza dove, in una competizione tutta interna al Centrodestra – una sorta di derby politico -, si è imposto il forzista Carlo Spagnol contro Alberto Gottardo.
Udine, dunque, ha scelto la discontinuità, spedendo in archivio i due mandati di Furio Honsell.
A Fontanini, dopo la recente delusione per aver dovuto chiudere la porta della Provincia, si è spalancata quella ben più importante di Palazzo D’Aronco, riuscendo in un’impresa per niente facile – non so a chi altri sarebbe riuscita per battere il Centrosinistra -, ma che ha evidentemente beneficiato del momento molto favorevole che sta vivendo il partito di Salvini.
Così, Pietro Fontanini, 65 anni, laureato in sociologia, può tornare a indossare la fascia tricolore: non più quella di Campoformido che gli ha fatto iniziare la brillante e lunga stagione politica (presidente della Regione e del Consiglio, senatore e deputato della Repubblica e, per concludere, appunto leader di Palazzo Belgrado), bensì quella della Capitale del Friuli storico.
Un grande onore per lui, oltre che un indubbio motivo di orgoglio, ultra-convinto sostenitore dei valori e della cultura di questa terra.
Un risultato che ha raggiunto superando di poco il 50 per cento, complice anche la bassissima affluenza al voto – poco più del 47 – che proprio ieri avevamo messo in conto, vista la concomitante Adunata nazionale degli alpini a Trento, ma anche la bellissima giornata che potevano offrire le nostre spiagge.
Martines, a denti stretti, ha preso atto della sconfitta e ha fatto gli auguri al neoeletto, affrettandosi ad osservare che si è trattato di “un voto di pancia”.
A parte il fatto che non capisco perché uno che perde (lo abbiamo sentito più volte anche a livello nazionale) debba sempre prendersela con questa parte importante del corpo, visto che se non c’è questa non funziona neanche il cervello, sarebbe meglio non offendere gli elettori che la pensano diversamente.
Dopo tutto, Martines ha avuto un grande risultato, con una clamorosa rimonta rispetto al 29 aprile, e non può sedere al posto di Honsell – di cui fu per cinque anni vicesindaco – appunto per pochissimi voti.
Evidentemente, poco più della metà degli udinesi ha deciso di bocciare l’amministrazione uscente espressa dal Centrosinistra, e in questo ha sicuramente avuto un peso determinante la questione immigrati-sicurezza.
Lo sconfitto vada a chiederlo agli elettori di Borgo Stazione, trasformato in una kasbah o suk che dir si voglia, dove una donna di qualsiasi età d’inverno ha paura di uscire dopo le quattro del pomeriggio.
Per non parlare del crollo dei prezzi degli immobili.
Io, onestamente, non mi sento di dire che questi udinesi, rispettabilissimi, abbiano votato con la pancia.
Sarebbe invece meglio fare una seria riflessione e cercare di capire i motivi di tale malcontento.
E a Sacile?
Era l’altra città friulana – pardon, quasi veneta – chiamata alle urne per il ballottaggio. Al primo turno del 29 aprile avevano ottenuto i voti più alti Carlo Spagnol (chiedo scusa se ieri ho aggiunto una o di troppo) e Alberto Gottardo, rispettivamente espressione di Forza Italia e della Lega, entrambi assessori nella giunta uscente di Roberto Ceraolo.
Gli elettori hanno scelto di gran lunga Spagnol che è diventato il nuovo sindaco con oltre il 67 cento dei voti.
Un risultato, dunque, assolutamente in controtendenza con il resto del Friuli Venezia Giulia dove il verde padano è il colore che ha tappezzato praticamente tutto il territorio.
Ma in riva al Livenza hanno dimostrato di pensarla in altro modo.

, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from miaitalia.org

Lascia un commento